Aggiungi un posto a tavola ovvero “amarcord TV”

aggiungi un posto a tavolaCorreva l’anno 1976 (o forse era il 1977?) e al Teatro Sistina di Roma veniva messa in scena la commedia musicale “Aggiungi un posto a tavola” di Garinei e Giovannini. La RAI, visto il successo dell’evento teatrale, decise (bontà sua) di trasmetterla in televisione. – In quegli anni la RAI cercava di fare il suo dovere di intrattenitore culturale e trasmetteva sovente eventi teatrali e musicali – oggi… (lasciamo perdere…).

All’epoca, ero poco più che decenne, ricordo che la commedia non solo mi piacque moltissimo ma feci di tutto per farmi regalare il libro da cui era tratta (il divertentissimo Dopo di me il diluvio” di David Forrest). La commedia, come dicevo, ebbe un successo incredibile, vuoi per la bravura degli autori (la premiata ditta Garinei&Giovannini) che per l’effervescente cast di attori che, Johnny Dorelli e Paolo Panelli in testa, interpretarono sul palco il magnifico testo equamente diviso tra battute esilaranti (ma ricche di spunti di riflessione attuali ancora oggi) e splendide canzoni (che hanno superato allegramente le rughe del tempo).

Ne parlo oggi perché ho appena terminato di rivederla grazie al DVD acquistato stamane in edicola edito da Fabbri e dalla RAI.

Nel dvd c’è proprio l’edizione del 1976 quella che così tanto fece sognare gli Italiani del tempo con le coreografie di Gino Landi, con le musiche di Armando Trovajoli, con le scene di Giulio Coltellacci (notevole il palcoscenico girevole) e con la partecipazione, oltre ai già citati Dorelli e Panelli nella parti di Don Silvestro e del Sindaco, di Bice Valori (moglie di Paolo Panelli) e di una giovanissima Jenni Tamburi nella parte di Clementina.

L’ho rivista tutta d’un fiato e, oggi come allora, mi è ritornata la voglia di rileggerne il libro da cui è tratta (già salvato dalla decennale polvere accumulata nella mia biblioteca privata) anche per rileggere le battute originali (indimenticabili quelle tra don Silvestro e Dio) che trattano temi attualissimi come il celibato dei preti o la fine del mondo.

Insomma, avrete capito, che il mio spassionato consiglio è di rivedere o vedere (per chi non era ancora nato) questa bellissima commedia musicale (oggi si direbbe MUSICAL) per passare un buon momento in allegria con tutta la famiglia.

Detto questo mi concedo un piccolo momento di polemica nei confronti della RAI: “Ma perché per rivedere queste splendide trasmissioni bisogna ancora spendere dei soldi (il dvd costa €8,90 – prezzo promozionale -sigh!) quando potrebbero benissimo essere disponibili sul sito web della RAI? In fondo non le abbiamo già pagate abbondantemente versando annualmente il salatissimo obolo chiamato CANONE? Guardate cosa trasmettono gli Inglesi della BBC sul loro sito WEB sfruttando interamente i ricchissimi archivi (putroppo per noi, i contenuti sono visibili solo dagli utenti del Regno Unito) e meditiamo sul potere dei media in Italia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...