Giornata della memoria


27 gennaio 2006
Anche quest’anno ricorre la “Giornata della memoria” in ricordo delle vittime dell’Olocausto.
Un giornata indetta soprattutto per “non dimenticare” perché come è accaduto una volta non possa accadere mai più.
Qualcuno, e non solo singole persone ma anche qualche governo, tende a dimenticare e a voler far dimenticare.
Noi NON DIMENTICHIAMO!
In particolare non vogliamo dimenticare quanti sapevano e non hanno fatto nulla, quanti sospettavano ed hanno preferito volgere lo sguardo, quanti, forse con leggerezza, si sono resi complici dello sterminio programmato di tanti nostri fratelli.
Noi uomini, in generale, tendiamo a dimenticare gli errori, magari perché presi dalle cose “più importanti” di ogni giorno, o semplicemente facciamo finta che siano cose del passato che non possono ritornare; ma è proprio l’oblio la strada più semplice perché gli errori si possano ripetere…
Ieri sera, su un canale satellitare, ho avuto modo di vedere, con la mia famiglia, un piccolo film dedicato ad un grande uomo: Padre Pino Puglisi.
Parroco di Brancaccio negli anni in cui la mafia uccideva, negli anni in cui Falcone e Borsellino sacrificavano la loro vita e con loro tanti altri “servitori dello Stato”.
Prete, tra la gente di un quartiere di Palermo sopraffatto dal dominio della mafia e della mentalità mafiosa.
Prete, che ha cercato con tutte le sue forze e fino all’estremo dono, di far capire alla sua gente l’importanza della cultura della vita contro quella della mafia.
Prete, palermitano, nato nello stesso quartiere in cui è stato ucciso nel giorno del suo 56° compleanno.
Prete, che ha “semplicemente” seguito la strada che il vangelo gli indicava.
Prete, che oggi rischia di essere dimenticato o al massimo ricordato nel giorno del suo sacrificio.
Ma oggi, giorno dedicato al ricordo delle vittime dell’olocausto, mi è sembrato giusto “fare memoria”, per non dimenticare un martire dei giorni nostri ed anche per ricordare a tutti noi l’importanza della cultura della vita contro tutte le mafie.
Ciao Padre Pino Puglisi, grazie per il tuo esempio, noi non ti dimenticheremo mai.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...